La clamidia negli uomini: Tutto quello che dovete sapere

La clamidia è una comune infezione sessualmente trasmissibile. Chiunque può avere la clamidia, ma può colpire maschi e femmine in modo diverso.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), è l’infezione batterica a trasmissione sessuale (IST) più comunemente segnalata negli Stati Uniti.

In questo articolo, conoscere i sintomi della clamidia nei maschi, così come la sua trasmissione, trattamenti e possibili complicazioni.

Sommario

Sintomi della clamidia nei maschi

La maggior parte delle persone affette da clamidia non presenta sintomi. Se una persona ha dei sintomi, questi possono non svilupparsi per diverse settimane dopo l’infezione iniziale.

Il CDC nota che se un maschio sperimenta i sintomi della clamidia, essi derivano tipicamente da una delle due complicazioni: uretrite o epididimite.

clamidia

Uretrite

L’uretrite è un’infezione dell’uretra, il tubo che attraversa il pene.

I sintomi tipici dell’uretrite negli uomini includono:

  • scarico dal pene
  • disuria, o dolore durante la minzione
  • pungente o prurito nell’uretra
  • irritazione alla punta del pene

Epidimite

L’epididimite è un’infezione di un tubo nella parte posteriore dei testicoli che immagazzina e trasporta lo sperma.

Secondo la Urology Care Foundation, una persona con epididimite sperimenterà dolore nel testicolo, e può diffondersi fino all’inguine.

clamidia

Altri sintomi

La clamidia può colpire anche il retto. Se una persona sperimenta sintomi rettali, questi possono includere:

  • dolore rettale
  • appuramento
  • emorragia

La clamidia può causare congiuntivite, un’infiammazione dell’occhio, ma questo è raro.

La clamidia può anche infettare la gola, ma la maggior parte delle persone non avverte questo o altri sintomi. Se lo fanno, possono avere mal di gola.

Trasmissione

Secondo il CDC, la clamidia è tipicamente trasmessa attraverso il contatto sessuale, ma può verificarsi ogni volta che i batteri entrano nel corpo di un’altra persona.

La trasmissione avviene solitamente durante il sesso penetrativo, sia vaginale che anale. Tuttavia, può anche diffondersi attraverso il sesso orale o la condivisione di giocattoli sessuali.

clamidia

Anche se una persona ha ricevuto un trattamento per la clamidia, è comunque possibile che si infetti di nuovo.

Il trattamento

Nella stragrande maggioranza dei casi, gli antibiotici possono trattare con successo la clamidia. Gli antibiotici tipici per la clamidia sono l’azitromicina e la doxiciciclina. Il trattamento della clamidia è lo stesso per i maschi e le femmine.

Un medico può prescrivere antibiotici come dose singola più grande o come una serie di dosi più piccole in 7 giorni.

Per assicurarsi che non trasmettano l’infezione, una persona dovrebbe evitare di avere rapporti sessuali per 7 giorni dopo una singola dose di antibiotici, o fino al completamento di un ciclo di 7 giorni di antibiotici.

È vitale per una persona affetta da clamidia informare tutti i partner sessuali, in quanto potrebbero aver bisogno di test e trattamenti. Alcuni servizi sanitari offrono di contattare i precedenti partner sessuali in forma anonima.

L’assunzione di antibiotici esattamente come prescritto aiuterà a prevenire gli effetti collaterali. Può anche aiutare a ridurre la resistenza agli antibiotici nella popolazione in generale.

Prevenzione

La clamidia si diffonde tipicamente attraverso il contatto sessuale, per cui l’uso di una barriera protettiva, come i preservativi in lattice, è un modo efficace per prevenire le infezioni.

I modi per prevenire la trasmissione della clamidia includono:

  • l’uso del preservativo durante il sesso penetrativo
  • l’uso di un preservativo sul pene durante il sesso orale
  • l’uso di una diga dentale sui genitali femminili durante il sesso orale
  • non condividere i giocattoli sessuali o pulire e utilizzare una barriera protettiva sui giocattoli sessuali

preservativo

Complicazioni

Con il trattamento, le persone raramente sperimentano complicazioni da un’infezione da clamidia. Tuttavia, senza trattamento, la clamidia nei maschi può causare o aumentare il rischio:

  • prostatite, l’infiammazione della ghiandola prostatica
  • cicatrici dell’uretra
  • infertilità
  • epididimite, un’infezione di un tubo nel testicolo

L’American College of Rheumatology riferisce che le infezioni da clamidia possono anche causare artrite reattiva. I sintomi dell’artrite reattiva sono il dolore ai talloni, alle dita dei piedi, alle dita delle mani, alla parte bassa della schiena o alle articolazioni.

Quando consultare un medico

La maggior parte delle persone non presenta sintomi di clamidia. È quindi essenziale sottoporsi regolarmente a test, anche quando una persona inizia a vedere un nuovo partner sessuale.

Se un individuo sperimenta i sintomi della clamidia, è essenziale consultare un medico per una diagnosi. Molti dei sintomi sono simili a quelli di altre infezioni, che possono richiedere trattamenti diversi.

Allo stesso modo, se i sintomi di una persona non sono scomparsi dopo un ciclo di antibiotici, dovrebbero tornare dal medico.

Se una persona viene a sapere di avere la clamidia, è fondamentale informare i partner sessuali recenti, in modo che possano ricevere anche test e trattamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *